Tel: +39.011.962.79.40 r.a. email: cecomp@cecomp.it

Qualità / Ricerca e Sviluppo

Qualità

Logo ISO_TS_16949_COL

CECOMP è garanzia di processi sicuri e affidabili, di tecnologie puntualmente verificate, in linea con le normative internazionali.

CECOMP dal 2002 è certificata IS0 9001:2008 per le attività di sviluppo e costruzione di modelli, prototipi e attrezzature.

Nel 2012 ha ottenuto anche la certificazione ISO/TS 16949:2009 per la produzione/assemblaggio di lamierati e di veicoli completi (produttore automobilistico).

Alla luce della studio condotto dai ricercatori dell’Osservatorio delle Imprese Innovative della provincia di Torino su incarico camerale, CECOMP è stata giudicata anche per il 2012 eccellenza innovativa.

Ricerca e Sviluppo

Nel corso degli anni CECOMP ha proseguito nella sua attività di ricerca e sviluppo ed ha indirizzato i propri sforzi in particolare su progetti ritenuti particolarmente innovativi:

  • Innovative diesel engine applications (iDEA)

L’acronimo identifica uno dei progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale realizzati nell’ambito delle c.d. “Piattaforme Innovative” del settore Automotive. Il progetto che ha come capofila General Motor PowerTrain Europe vede coinvolti, oltre al Politecnico di Torino, CECOMP e altre primarie aziende del settore quali FEV Italia.

  • Eco-veicoli ad uso commerciale (i-Next) per la logistica dell’ultimo miglio

Il progetto si colloca nell’ambito di un programma di ricerca promosso e finanziato a livello europeo , denominato “Smart Cities”.

L’obiettivo del progetto di ricerca, coordinato dal CNR-ITAE, si indirizza verso lo sviluppo di eco-veicoli commerciali di dimensioni contenute, idonei alla distribuzione delle merci, nei centri urbani caratterizzati da zone a circolazione limitata (ZTL), strade interne molto strette e condizioni di traffico congestionato.

  • Quadriciclo elettrico “leggero” ad uso promiscuo (Risciò)

Il quadriciclo leggero, normata nell’ambito della Unione Europea, riveste un interesse a livello globale come una possibile soluzione alla congestione veicolare urbana, con particolare riferimento a quelli a propulsione elettrica. Tale veicolo, nell’ambito delle linee di ricerca e sviluppo di Horizon 2020, è stato esplicitamente indicato come un “Specific Challenge”.

Il quadriciclo, secondo il codice della strada italiano, è assimilato ad un qualsiasi motoveicolo o triciclo pur avendo quattro ruote ed è classificabile nella categoria “L”.

Per la realizzazione di tale progetto è stata costituita nel 2014 una associazione temporanea di scopo (ATS) denominata A.I.P.A di cui CECOMP è capogruppo; concorrono le società ACTUA, ALL DESIGN, ITALTECNICA e ARCHIMEDE ENERGIA. Il progetto per la parte di studio e progettazione si è concluso nel primo semestre 2015.

  • Modello stradale vetture sportive ad elevate prestazioni e contenuti tecnologici

Nel corso del 2015 è stata realizzata il prototipo di una vettura marciante denominata “Vulcano” con una carrozzeria realizzata a mano, interamente in titanio “a vista” (ovvero non verniciato).

L’utilizzo di tale materiale per CECOMP è una grande sfida in quanto nella realizzazione di prototipi e one-off sono stati storicamente impiegati materiali tradizionali (acciaio, alluminio, diverse tipologie di fibra quali carbonio, kevlar, ecc). L’obiettivo era ricercare un materiale finora non utilizzato nel settore automotive con caratteristiche fisiche e meccaniche altamente performanti. Le caratteristiche del titanio sono: elevate proprietà meccaniche, basso rapporto peso-resistenza, elevata resistenza alla corrosione, elevata biocompatibilità e, non per ultimo, bellezza estetica collegata anche al colore del metallo. L’utilizzo di tale materiale ha comportato un nuovo filone di ricerca sperimentale e un nuovo approccio ingegneristico che tenesse in primaria considerazione la formatura esterna sia di una struttura leggera, funzionale e performante di supporto alla carrozzeria stessa.

Sostenibilità

OK-CECOMP-fotovoltaico-satellite-2012

Nel suo piano di sviluppo CECOMP pone particolare attenzione alla sostenibilità ambientale. Circa il 50% del fabbisogno energetico della sede principale di La Loggia è oggi auto-prodotto da fotovoltaico.